Get Adobe Flash player
Home CHIRURGIA DELLA SPALLA Artroscopia di spalla

Artroscopia di spalla

 

L'artroscopia di spalla è stata riconosciuta ed accettata una come tecnica sicura ed efficace nella diagnosi e nella cura di patologie della spalla solo negli ultimi 20 anni.
I progressi tecnologici nella qualità delle fibre ottiche, nella risoluzione del video e nello strumentario artroscopico, insieme al più approfondito studio degli accessi anatomici, hanno comportato un'evoluzione nell'artroscopia di spalla a partire dalle tecniche diagnostiche fino alle più sofisticate tecniche di trattamento.

Decubito laterale A   Decubito laterale B

Distensione liquida articolare Disegno reperi anatomici

Colonne artroscopiche  Strumentario artroscopia di spalla

Visione d'insieme  artroscopia spalla

 

Per quanto riguarda il posizionamento del paziente preferisco il posizionamento del paziente in decubito laterale con la spalla da trattare rivolta verso l'alto con una trazione applicata di 4-5 Kg.
Il braccio viene mantenuto abdotto di circa 60° ed anteposto di circa 15°.

L'anestesia proprio a causa della scomodità di mantenimento della posizione sul fianco è solitamente quella di tipo generale, ma può essere anche attuata un'anestesia periferica con blocco interscalenico.

La valutazione radiografica della spalla sintomatica dovrebbe includere una:

1. Proiezione antero-posteriore (A-P)
2. Proiezione ascellare
3. Proiezione outlet del sovraspinoso o "arch-view"
4. Proiezione A-P con inclinazione caudale del tubo radiogeno di circa 30°





Posizionamento per Radiografia A-P (4)

Posizionamento per Radiografia A-P (1)

 

Nel caso di patologie a carico dell'articolazione A-C può essere utile una radiografia con inclinazione cefalica di 10° del tubo con il 50% di riduzione dei kilovolts di una normale Rx.
Molto utile risulta essere l'esame ecografico che ci da informazioni sullo stato della cuffia dei rotatori e sul tendine del CLB.
Nei casi di lesione della cuffia dei rotatori ci si avvale frequentemente della RMN (Risonanza Magnetica Nucleare), mentre nei casi di instabilità oltre alla RMN può trovare impiego l'artroTC e la radiografia con proiezione di Westpoint.

 

 

SEQUENZA FOTOGRAFICA: ARTROSCOPIA DI SPALLA

 

Articolazione scapolo-omerale   Capo Lungo del Bicipite

Intervallo dei rotatori     Sottoscapolare e Legamento Gleno-Omerale-Medio

 

 

 

 

riguardante solo la parte bursale o come lesione a tutto spessore.
Dopo aver confermato il sospetto clinico con gli opportuni esami strumentali è necessaria un’opportuna pianificazione preoperatoria basata sulle radiografie arch-view o outlet del sovraspinoso.

La distanza A dimostra lo spessore della resezione dell’acromion che si intende ottenere e B rappresenta la linea lungo la quale l’acromion deve essere resecato per essere trasformato in un acromion di tipo I o piatto.

 

Acromion tipo 3°  Acromion tipo 3° (zoom)

 

 

 


La permanenza in ospedale per questo tipo di intervento è di solito di un giorno.

 13 visitatori online