Get Adobe Flash player
Home CHIRURGIA DELLA CAVIGLIA Artroscopia di caviglia

Artroscopia di caviglia

Negli anni Settanta cominciò ad affermarsi l’artroscopia di ginocchio.
Solo negli ultimi 10 anni invece ha cominciato a divenire metodica comunemente accettata l’artroscopia di caviglia. Oggigiorno l’artroscopia di caviglia è una metodica comunemente praticata in molti istituti ortopedici.
Tale procedura è condotta con un artroscopio a 30° delle stesse dimensioni di quello usato per il ginocchio; nella mia esperienza non è necessario l’uso di un artroscopio più piccolo.
La distrazione artroscopica che non sempre è necessaria può essere praticata con una fissazione esterna temporanea ma io preferisco usare un sistema di distrazione risterilizzabile non-invasivo messo a punto da colleghi Olandesi.

Prima di comiciare l’intervento chirurgico è sempre buona regola segnare con una matita dermografica i reperi anatomici e la localizzazioni delle strutture vascolo-nervose.

Ricerca per transilluminazione del portale anterolaterale

Fase chirurgica (debridment) dell'artroscopia di caviglia

L’artroscopia di caviglia ha diverse indicazioni:

  1. Impingement di caviglia (osteofiti, calcificazioni, tessuti molli)
  2. Lesioni legamentose acute
  3. Osteocondrite dissecante
  4. Corpi mobili
  5. Condromalacia
  6. Malattie reumatologiche
  7. Artrite settica
  8. Condizioni post-traumatiche

Lo strumentario solitamente necessario per l’esecuzione di questa metodica è:

        - Artroscopio da 4,5 o 2,7
        - Palpatore
        - Shaver motorizzato
        - Curette
        - Trapano e fili metallici di Kirschner
        - Strumenti a radiofrequenza

Nel periodo post-operatorio sono sicuramente raccomandabili – riposo – ghiaccio – compressione – elevazione della gamba per abbreviare al minimo il tempo del recupero.
L’uso delle stampelle varia a seconda della tipologia di intervento eseguita ed è mediamente di 7-10 giorni.

 44 visitatori online