Dr. FABIO BERTAIOLA per info e prenotazioni: Tel. 0381.83434
Per visite urgenti: Tel. 334.3023362 (orario: 9.00-19.00)

La protesi simultanea bilaterale d’anca è una procedura chirurgica non routinaria   indicata solamente in pazienti selezionati e motivati.

Tale procedura è resa possibile grazie alle tecniche mini-invasive e a specifici protocolli anestesiologici e riabilitativi, rivolgendosi a professionisti dedicati alla chirurgia protesica.

L’indicazione deve essere ben spiegata al paziente e da esso condivisa, ma soprattutto valutata in base a:

  • Patologia di base
  • Presenza o meno di comorbidità
  • Conformazione del paziente
  • Aspettative del paziente

 

Nel paziente affetto da coxoartrosi bilaterale l’intervento in un solo tempo chirurgico permette di ottenere numerosi vantaggi ossia una sola anestesia, una sola riabilitazione e un solo stacco dalla propria attività lavorativa.

Molto importante è l’esperienza del chirurgo che permette di contenere il tempo chirurgico; in questa procedura si preferisce solitamente un’anestesia generale per controllare al meglio la pressione sanguigna e l’equilibrio emodinamico del paziente al fine di contenere le perdite ematiche.

Fondamentale, durante la visita ambulatoriale del paziente, è avvisare che l’intervento può essere convertito in monolaterale se emergessero problematiche intraoperatorie di qualsivoglia natura (anestesiologiche, cardiologiche, legate all’intervento). E’ quindi obbligatorio iniziare con la protesizzazione dell’anca più dolorosa che quasi sempre corrisponde al lato più compromesso radiologicamente.

Di grande aiuto in tale procedura è la figura dell’anestesista che mantiene durante tutto l’intervento chirurgico la pressione sanguigna su livelli controllati e di solito è prassi l’uso dell’acido tranexamico che è in grado di ridurre il sanguinamento, riducendo il rischio di trasfusioni nel post-operatorio.

E’ fondamentale che il chirurgo operatore abbia buona esperienza e velocità di esecuzione per mantenere entro le due ore circa la durata complessiva della procedura e altrettanto fondamentale risulta la scelta accurata del paziente che deve essere consapevole, motivato e in buone condizioni di salute.

Aspetto importante è quello della riabilitazione che segue lo stesso programma di quella eseguita nella procedura monolaterale ance se prudenzialmente le stampelle vengono lasciate più a lungo.

Non è però infrequente assistere ad un recupero assai veloce di questi pazienti e questo è quasi sempre dovuto ad una preparazione psicologica preintervento e alla forte motivazione del paziente.